Loading…

Ultimi documenti caricati 4

  • grid
  • list
  • NEW
    ;
    Data 19/09/2017
    Downloads: 47
    ALLEGATO PROPOSTA DI ACQUISTO: CLAUSOLA OPZIONE DEPOSITO PREZZO
    € 100,00
    Il presente documento rappresenta l'allegato alla proposta di acquisto per vendita immobiliare con riferimento alle novità introdotte dalla L. 124/2017 all'art.1 comma 142. E' fondamentale l'utilizzo dello stesso in tutte le ipotesi in cui tale opzione di scelta non sia specificamente prevista nel modulo proposta utilizzato.
  • NEW
    ;
    Data 19/09/2017
    Downloads: 27
    SCRITTURA INTEGRATIVA PROPOSTA DI ACQUISTO/ PRELIMINARE: CLAUSOLA OPZIONE DEPOSITO PREZZO
    € 100,00
    Il presente documento rappresenta la scrittura integrativa al contratto preliminare già stipulato per consentire alle parti la scelta se avvalersi o meno del deposito prezzo.
  • NEW
    ;
    Data 13/09/2017
    Downloads: 5
    PARERE N. 755 : IL TERZO IPOTECANTE DELL' USUFRUTTO HA DIRITTO ANCHE AI CANONI DI LOCAZIONE?
    € 1,00
    Il creditore ipotecario, anche in caso di cessione dell’usufrutto a terzi, avrà certamente diritto anche ai canoni di locazione.- Non potrà agire solo sui canoni, pero.....parere integrale...cliccando su download
  • NEW
    ;
    Data 06/09/2017
    Downloads: 7
    RICONOSCIUTO DIRITTO ALLA PROVVIGIONE NELL’IPOTESI IN CUI IL MEDIATORE SI SIA LIMITATO A FAR VISIONARE IL PROGETTO DELL’IMMOBILE DA COSTRUIRE, RISULTANDO DEL TUTTO IRRILEVANTE CHE PER I NUOVI IMMOBILI NON SIANO STATI NEPPURE OTTENUTI I RELATIVI PERMESSI.-
    € 100,00
    SENTENZA VITTORIOSA STUDIO LEGALE D’ARAGONA IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE - TRIBUNALE DI NOLA - SENTENZA DEL 20/07/2017.- Il Tribunale di Nola, con la Sentenza in esame, ha ribadito un principio fondamentale a tenor del quale, “il diritto del mediatore alla provvigione sorge tutte le volte in cui la conclusione dell’affare sia in rapporto causale con l’attività intermediatrice, pur non richiedendosi che, tra l’attività del mediatore e la conclusione dell’affare, sussista un nesso eziologico diretto ed esclusivo, ed essendo, viceversa, sufficiente che, anche in presenza di un processo di formazione della volontà delle parti complesso ed articolato nel tempo, la “messa in relazione” delle stesse costituisca l’antecedente indispensabile per pervenire, attraverso fasi e vicende successive, alla conclusione del contratto. Ne consegue che la prestazione del mediatore ben può esaurirsi nel ritrovamento e nell’indicazione di uno dei contraenti, indipendentemente dal suo intervento nelle varie fasi delle trattative sino alla stipula del negozio, sempre che la prestazione stessa possa legittimamente ritenersi conseguenza prossima o remota della sua opera, tale, cioè, che, senza di essa, il negozio stesso non sarebbe stato concluso, secondo i principi della causalità adeguata (nella specie, il diritto alla provvigione è stato riconosciuto al mediatore che aveva fissato un appuntamento presso il cantiere della società alienante, aveva fatto visionare al futuro acquirente l’intero complesso edilizio oggetto della trattativa ed aveva mostrato una delle unità immobiliari di cui il complesso stesso si componeva, senza attribuire rilievo ostativo all’intervallo di circa sette mesi intercorso tra tale attività e la conclusione del contratto)” (Cass. n. 3438/2002; 23438/2004; 28231/2005 25851/2014).- Difatti è stato provato in corso di causa, che parte acquirente e parte venditrice, a seguito della messa in relazione operata dalla società di intermediazione immobiliare, abbiano stipulato prima un contratto preliminare e poi un atto pubblico di vendita; Tali atti sono da considerarsi frutto della prestazione del mediatore, riguardando lo stesso bene e lo stesso negozio giuridico proposti dal mediatore, a nulla rilevando che la villetta non sia stata poi realizzata in modo perfettamente conforme al progetto.-
  • NEW
    ;
    Data 29/08/2017
    Downloads: 115
    MODULO- NUOVO INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE (settembre 2017)
    € 5.000,00
    Modulo aggiornato a seguito dell'entrata in vigore del DDL CONCORRENZA che ha modificato il Decreto Legge n. 147/2013 ed in particolare l'art.1 e più precisamente i commi 63-64-65-66.
  • ;
    Data 02/08/2017
    Downloads: 0
    PARERE N°754: SE PER REALIZZARE UNA SCALA CHE DAL GIARDINO PRIVATO MONTA SU UN TERRAZZINO PRIVATO AL PRIMO PIANO DELLO STESSO PROPRIETARIO,E' LEGITTIMO CHE LA P.A. SUBORDINI IL RILASCIO DEL PERMESSO A COSTRUIRE ALL'AUTORIZZAZIONE CONDOMINIALE
    € 50,00
    La risposta è assolutamente negativa, nel senso che la pretesa della P.A. nel caso di specie è assolutamente illegittima.- Occorre svolgere, infatti, una distinzione, tra l’ipotesi in cui il richiedente intende svolgere modifiche su parti condominiali, da quella, invece, in cui si tratti di opere..Più precisamente....parere integrale...cliccando su download
  • ;
    Data 02/08/2017
    Downloads: 10
    PARERE N°753: SE UN VENDITORE NON RIESCE A CONSEGNARE UN DOCUMENTO PERCHE' IL COMUNE NON GLIELO FORNISCE E' COMUNQUE RESPONSABILE NEI CONFRONTI DELL'ACQUIRENTE?
    € 50,00
    La risposta ai quesiti deve essere svolta in modo analitico.- In primo luogo è indiscutibile, come stabilito prevalentemente dalla Suprema Corte, che il promittente venditore sia da considerarsi inadempiente alle obbligazioni assunte, nell’ipotesi in cui non abbia consegnato la documentazione a cui era tenuto, anche se tanto sia da addebitarsi alla Pubblica Amministrazione.- In particolare la giurisprudenza precisa che, anche in questo caso, nonostante la mancata produzione della documentazione sia stata determinata da inerzia o ritardo della P.A, si tratta di inadempimento del venditore, a lui imputabile.- Infatti, rileverebbe anzitutto la violazione dell’obbligo anzidetto assunto nel contratto preliminare, indipendentemente dal fatto che il promittente venditore si sia attivato in tal senso.- Conseguenzialmente....parere integrale...cliccando su download
  • ;
    Data 01/08/2017
    Downloads: 5
    PARERE N°751: OBBLIGO DEL VENDITORE DI FORNIRE LA DOCUMENTAZIONE
    € 50,00
    La risposta al quesito può essere certamente espressa in termini positivi.- Il venditore nel momento in cui ha sottoscritto un impegno contrattuale di vendita in cui è previsto che parte del corrispettivo verrà versato mediante finanziamento ipotecario, è certamente tenuto a collaborare affinchè tale finanziamento possa essere ottenuto.- Nell’ambito di tale dovere di collaborazione, rientra indubbiamente anche l’obbligo di fornire tutta la documentazione necessaria per l’istruttoria della pratica di finanziamento.- Tale obbligo – anche in mancanza di un’espressa previsione contrattuale – rientra certamente nell’ambito del dovere di comportarsi secondo buona fede e correttezza nell’esecuzione del contratto di cui all’art. 1175 c.c..- Dalla violazione di tale dovere, discende indubbiamente una responsabilità di carattere contrattuale che espone il venditore al risarcimento dei danni conseguenti all’eventuale inadempimento.- Più precisamente....parere integrale...cliccando su download
  • ;
    Data 01/08/2017
    Downloads: 6
    RICONOSCIUTO DIRITTO DEL MEDIATORE ALLA PROVVIGIONE ANCHE NELL’ IPOTESI IN CUI L’AGENZIA NON ABBIA RIFERITO L’ESISTENZA DI UN DIRITTO DI SUPERFICIE.-
    € 100,00
    TRIBUNALE DI BENEVENTO- SENTENZA DEL 22/07/2017 .- Il Tribunale di Benevento, con la Sentenza in esame, ha statuito un principio fondamentale a tenor del quale il diritto del mediatore alla provvigione non si prescrive, se quest’ultimo non è venuto a conoscenza della conclusione dell’affare “ il termine di prescrizione annuale non decorre in ipotesi di ignoranza, da parte del mediatore, dell’avvenuta conclusione dell’affare, ove detta ignoranza sia attribuibile al dolo dei soggetti tenuti alla corresponsione della provvigione dovuta (Cass. – Sezione III Civile- Sent. del 21/11/2011, n. 24444).- Inoltre, il Giudicante adito, si è pronunciato circa la validità di una clausola che riconosca il diritto alle provvigioni ma preveda che dopo l’acconto il saldo sarà dovuto al verificarsi di un diverso evento (vendita degli immobili a costruire o revoca degli incarichi).- La Sentenza in commento, soffermandosi su un ulteriore profilo, ha stabilito che la pattuizione di una provvigione più alta di quella normalmente praticata non determina, in mancanza di patto apposito, l’obbligo da parte del mediatore di ulteriori indagini di quelle normalmente dovute (“Le agenzie immobiliari hanno solo il compito di mettere in contatto due parti contrattuali, non hanno l’obbligo di effettuare consulenza tecnico giuridica e non devono effettuare ricerche ipotecarie o presso le conservatorie dei registi immobiliari” Cass. Civ. Sez. II, del 6 novembre 2012, n. 19075) e pertanto non sussiste alcuna responsabilità ascrivibile al mediatore per non aver riferito all’acquirente costruttore l’esistenza di un diritto di superficie a favore di terzi.-
  • ;
    Data 10/07/2017
    Downloads: 12
    PARERE N°748: IL VENDITORE SI PUO' SCARICARE LE PROVVIGIONI PAGATE AL MEDIATORE?
    € 50,00
    La risposta è negativa, nel senso che il venditore non può usufruire della detrazione fiscale.- Come spiegato dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 20/E del 13 maggio 2011, il bonus fiscale relativo alle spese per l'intermediazione immobiliare spetta solamente all'acquirente (e non al venditore). Più precisamente....parere integrale...cliccando su download
  • ;
    Data 10/07/2017
    Downloads: 7
    RICONOSCIUTO IL DIRITTO AL RISARCIMENTO DANNI DEL MEDIATORE NEL CASO IN CUI IL CLIENTE VIOLI L'IMPEGNO DI ESCLUSIVA
    € 100,00
    RICONOSCIUTO IL DIRITTO AL RISARCIMENTO DANNI DEL MEDIATORE NEL CASO IN CUI Il CLIENTE VIOLI L'IMPEGNO DI ESCLUSIVA .- TRIBUNALE DI SALERNO II SEZ. CIVILE 8 MAGGIO 2017.- SENTENZA VITTORIOSA STUDIO LEGALE D’ARAGONA- LEGALI ASSOCIATI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE.- Riconosciuto il diritto al risarcimento danni del mediatore nel caso in cui il cliente violi l'impegno di esclusiva, ovvero quello di accettazione della proposta d'acquisto conforme- Esclusa la vessatorietà della clausola penale laddove riconosca un risarcimento pari o prossimo a quello dovuto a titolo di provvigione in quanto non riconosce in favore dell'agenzia nulla di più di quanto sarebbe spettato se il consumatore avesse adempiuto ai propri impegni- Necessità che lo squilibrio di cui alle clausole vessatorie, vada valutato non in relazione a quello economico, in quanto la legge non ammette che il Giudice possa svolgere un controllo sul sinallagma contrattuale, ovvero sull'adeguatezza del prezzo o del corrispettivo che forma oggetto del contratto, che resta demandato esclusivamente alle parti, ma unicamente sul profilo normativo poichè riferito ai rapporti tra i diritti e gli obblighi derivanti dal contratto avendo riguardo all'intero regolamento contrattuale- Va presunta la specifica trattativa laddove i patti contrattuali risultino trascritti a penna.
  • ;
    Data 03/07/2017
    Downloads: 19
    RICONOSCIUTO DIRITTO ALLE PROVVIGIONI NELL'IPOTESI DI AFFARE CONCLUSO CON OGGETTO E CONDIZIONI PARZIALMENTE DIVERSE.-
    € 100,00
    SENTENZA TRIBUNALE DI NAPOLI NORD- II Sezione Civile - 8 GIUGNO 2017.- SENTENZA VITTORIOSA STUDIO LEGALE D’ARAGONA- LEGALI ASSOCIATI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE.- Il tribunale di Napoli Nord ha fatto proprio il principio secondo cui “la provvigione spettante al mediatore è quantificata nella percentuale concordata sul prezzo stabilito in sede di conferimento dell’incarico e non sul prezzo di vendita”. Inoltre ha statuito che “il diritto del mediatore alla provvigione non postula una coincidenza totale tra oggetto iniziale delle trattative ed oggetto conclusivo dell’affare, sicchè va riconosciuto anche quando la variazione oggettiva concerne il bene, più compiutamente identificato, e il prezzo, a condizione che l’opera del mediatore sia valsa a far intavolare trattative, poi confluite nella conclusione di un vincolo giuridico relativa a un bene univocamente identificato, anche se non totalmente, riferibile a quello dedotto nella iniziale messa in relazione delle parti”(Cass. Sez. 3, Sentenza n. 25851 del 09/12/2014).-
  • ;
    Data 26/06/2017
    Downloads: 22
    MODELLO CONTRATTO AFFITTO RAMO D'AZIENDA
    € 100,00
    Quando va utilizzato? Il presente modulo va utilizzato in casa di affitto di ramo d'azienda
  • ;
    Data 23/06/2017
    Downloads: 20
    MODELLO SCRITTURA PRIVATA VENDITA FONDO RUSTICO
    € 100,00
    Quando va utilizzato? Modulo da utilizzare quando le parti non intendono stipulare l'atto pubblico bensì scrittura privata... da non confondere con il preliminare di vendita
  • Data 14/06/2017
    Downloads: 43
    MODULO - LETTERA INVITO AD EFFETTUARE BONIFICO PER SOSTITUZIONE CAPARRA E RESTITUZIONE PRECEDENTE TITOLO
    € 100,00
    Modulo da utilizzare quando l’acquirente intende sostituire la caparra confirmatoria mediante bonifico bancario ed ottenere la restituzione del precedente titolo.Chiaramente questa sostituzione deve essere preventivamente autorizzata dalla parte venditrice.
  • ;
    Data 26/05/2017
    Downloads: 5
    PARERE N° 750: SE UN EREDE E' LEGITTIMATO AD INCASSARE I BUONI FRUTTIFERI POSTALI LASCIATI DAL DEFUNTO SENZA LA FIRMA DEGLI ALTRI COEREDI?
    € 50,00
    La risposta è affermativa, parere integrale cliccando su download....
  • ;
    Data 26/05/2017
    Downloads: 21
    MODULO DELEGAZIONE PAGAMENTO
    € 100,00
    Quando va utilizzato? Il presente modulo va utilizzato quando si vuole delegare l'acquirente a corrispondere delle somme dovute dal venditore a terzi, con l'intesa che tali pagamenti verranno sottratti dalle somme ancora dovute.
  • ;
    Data 23/05/2017
    Downloads: 16
    PARERE N. 749: SE IL LOCATORE CHE ABBIA OPTATO PER LA CEDOLARE SECCA E POI, BENCHE' SIA ESCLUSO DALLA LEGGE, ABBIA COMUNQUE REGISTRATO IL CONTRATTO ED APPOSTO ANCHE I BOLLI, PUO' COMUNQUE GODERE DI QUESTO REGIME DI TASSAZIONE AGEVOLATA
    € 50,00
    La risposta, seppur espressa in termini ipotetici stante la mancanza di precedenti specifici, non può che essere NEGATIVA, in quanto la legge attribuisce carattere prevalente al comportamento del locatore in sede di registrazione del contratto rispetto a qualsiasi altro adempimento abbia posto in essere .....parere integrale cliccando su download
  • ;
    Data 12/05/2017
    Downloads: 17
    MODULO COMUNICAZIONE ALL'AMMINISTRATORE DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE
    € 100,00
    QUANDO VA UTILIZZATO? IL PRESENTE MODULO VA UTILIZZATO DAL PROPRIETARIO DELL'IMMOBILE PER METTERE A CONOSCENZA L'AMMINISTRATORE DEL CONDOMINIO DELL'INIZIO DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE.-
  • ;
    Data 10/05/2017
    Downloads: 14
    PARERE N. 747: A QUALE DISTANZA DAL CONFINE POSSO PIANTARE LA SIEPE?
    € 50,00
    La siepe deve essere installata a mezzo metro dal muro, come disposto dall’art. 892 C.c. Piu precisamente la norma opera le seguenti distinzioni...parere integrale cliccando su download
  • ;
    Data 10/05/2017
    Downloads: 11
    IL MEDIATORE HA DIRITTO ALLE PROVVIGIONI ANCHE SE L'INCARICO GLI E' STATO CONFERITO DA UN TERZO ESTRANEO ALL'AFFARE.-CORTE D’APPELLO DI NAPOLI- III Sezione Civile Bis- 2 FEBBRRAIO 2017.-
    download riservato - non acquistabile
    SENTENZA VITTORIOSA STUDIO LEGALE D’ARAGONA- LEGALI ASSOCIATI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE.- La Corte D’Appello di Napoli ha confermato che sussiste indubbiamente il diritto del mediatore alle provvigioni anche se l’incarico venga conferito da un soggetto estraneo all’affare, allorché il terzo in cui favore era stato conferito l’incarico abbia concluso l’affare proposto dal mediatore. Naturalmente in tal caso le provvigioni saranno dovute dal terzo che ebbe a conferire l’incarico e non dai soggetti che formalmente hanno concluso la compravendita.- Inoltre, la Sentenza in commento, ha ribadito anche un principio fondamentale a tenor del quale (Cass. Sent. n. 11911, Sez. III, del 7/08/2002) “l’iscrizione del mediatore nel ruolo di cui all’art. 2 l. n. 253 del 1989 integra un accertamento costitutivo dello “status” del professionista che opera “erga omnes” fino a quando non intervenga un provvedimento di cancellazione. Sussiste, pertanto, il diritto del mediatore alla provvigione ove lo stesso sia iscritto nel ruolo all’epoca in cui suo tramite le parti conclusero l’affare, ancorchè successivamente, e prima del pagamento della provvigione, lo stesso sia stato cancellato dal detto ruolo.-
  • ;
    Data 10/05/2017
    Downloads: 5
    NON SUSSISTE INADEMPIMENTO DEL VENDITORE PER LA INEDIFICABILITA' DEL SUOLO LADDOVE QUESTA NON SIA STATA MAI GARANTITA NEL CONTRATTO - SENTENZA TRIBUNALE DI SALERNO II SEZ. CIVILE.- MAGGIO 2017
    € 50,00
    TRIBUNALE DI SALERNO MAGGIO 2017 - SENTENZA VITTORIOSA STUDIO LEGALE D’ARAGONA - LEGALI ASSOCIATI IN MATERIA DI COMPRAVENDITA - OVE PURE IL PUNTO SIA STATO TRATTATO DURANTE LE TRATTATIVE, NON E' IPOTIZZABILE UN INADEMPIMENTO DEL VENDITORE OVE IL FONDO SIA INEDIFICABILE LADDOVE QUESTA NON SIA STATA MAI GARANTITA NEL CONTRATTO - DIRITTO DEL PROMITTENTE VENDITORE A TRATTENERE LA CAPARRA CONFIRMATORIA AVENDO DIMOSTRATO DI AVER INUTILMENTE DIFFIDATO L'ACQUIRENTE A PROVVEDERE ALLA CONVOCAZIONE PER LA STIPULA DELL'ATTO PUBBLICO.
  • ;
    Data 04/05/2017
    Downloads: 37
    MODULO RELAZIONE AMMINISTRATORE
    € 100,00
    Quando va utilizzato? Il modulo "relazione amministratore"deve essere compilato dall'amministratore per attestare tutte le notizie condominiali relative all'immobile in vendita. All'interno dello stesso dovrà indicare la situazione relativa ai pagamenti degli oneri ordinari e straordinari, ai lavori straordinari ed alle eventuali vertenze che riguardino l'immobile oggetto di vendita. Con la firma di tale modulo l'agenzia resta liberata da ogni e qualsiasi responsabilità per quanto attiene alle notizie condominiali.-
  • ;
    Data 03/05/2017
    Downloads: 49
    MODULO CONDIZIONE SCIOGLIMENTO PROPOSTA MANCATO OTTENIMENTO MUTUO PER PROBLEMI IMMOBILE
    € 100,00
    MODULO DA ALLEGARE ALLA PROPOSTA PER CONDIZIONARLA ALL'OTTENIMENTO DEL MUTUO CON PREVISIONE DI INEFFICACIA DELLA PROPOSTA NEL SOLO CASO IN CUI IL FINANZIAMENTO NON SIA OTTENUTO A CAUSA DI IRREGOLARITA' EDILIZIE RELATIVE ALL'IMMOBILE
  • ;
    Data 28/04/2017
    Downloads: 17
    MODULO DICHIARAZIONE PROVVIGIONI - LOCAZIONE - VERSIONE LEX CONSULT APRILE 2017
    € 100,00
    QUANDO VA UTILIZZATO? Il modulo va utilizzato nell'ipotesi in cui l'immobile è stato proposto in locazione e le parti si accordano per la stipula di un contratto di locazione. Tale dichiarazione tutela l'agente immobiliare e il suo compenso provvigionale in quanto condiziona il pagamento al decorrere di un termine e non al verificarsi di un evento.
  • ;
    Data 28/04/2017
    Downloads: 21
    MODULO DICHIARAZIONI PROVVIGIONI - LOCAZIONE - LOCATORE CONDUTTORE - CON PREVISIONE PROVVIGIONI AGGIUNTIVE NELL'IPOTESI DI CONCLUSIONE VENDITA - VERSIONE LEX CONSULT APRILE 2017
    € 100,00
    QUANDO VA UTILIZZATO? Il modulo va utilizzato nell'ipotesi in cui l'immobile è stato proposto in locazione e le parti si accordano per la stipula di un contratto di locazione. La dichiarazione, inoltre, tutela l’agente immobiliare anche nell'ipotesi in cui successivamente alla stipula del contratto di locazione, si dovesse concludere la compravendita dello stesso immobile: percepirà le provvigioni dovute, previa detrazione di quanto già incassato.
  • ;
    Data 26/04/2017
    Downloads: 3
    PARERE N. 746 UN CONDOMINO PUO' SOSTITUIRE LE RINGHIERE DEL BALCONE CON DEI MURETTI?
    € 50,00
    La riposta è assolutamente negativa in quanto l’innovazione de quo è vietata in mancanza di autorizzazione condominiale con l'ulteriore precisazione che - ai fini della sua validità - tale autorizzazione dovrà essere concessa all'unanimità(Trib. Torino Sez. II, 08/09/2008). Infatti l'intervento che è stato apportato al balcone aggettante, anche se riguarda una facciata interna dello stabile condominiale, andrebbe pur sempre ad incidere sul decoro architettonico del condominio che è tutelato in maniera molto rigida dalla normativa in materia. Motivi di diritto La fattispecie in esame si inquadra nell’ambito della disciplina sulle innovazioni ex art. 1120, comma 2 secondo cui " sono vietate quelle innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un solo condomino"...Parere integrale cliccando su download
  • ;
    Data 26/04/2017
    Downloads: 5
    PARERE N. 745 L'ACQUIRENTE PUO' CHIEDERE LA REGOLARIZZAZIONE DI UNA LUCE ALLARGATA DAL VICINO CON L'AUTORIZZAZIONE SOLO VERBALE DEL VECCHIO PROPRIETARIO?
    € 50,00
    La risposta è negativa in quanto la normativa in materia di luci, quando queste si aprono su un muro comune, parla di consenso tra proprietari di fondi finitimi, e quindi si ritiene che il consenso dell’ex proprietario non può sostituire il consenso del nuovo proprietario il quale potrebbe anche non manifestarlo, inoltre il consenso deve essere prestato per iscritto a nulla rilevando il consenso manifestato oralmente. Motivi di diritto La materia oggetto del quesito è sussumibile negli artt. 900 e 901 c.c. disciplinanti le luci. Preliminarmente occorre evidenziare che vengono in questione due interessi e due esigenze contrapposte entrambe meritevoli di tutela che necessariamente devono essere contemperate.....parere integrale cliccando su download
  • ;
    Data 21/04/2017
    Downloads: 9
    PARERE N. 743 A CHI SPETTA IL RIFACIMENTO DEL CIELO SOTTOSTANTE UN BALCONE AGGETTO DI PROPRIETA' PRIVATA?
    € 50,00
    Le opere di manutenzione dei balconi aggettanti competono esclusivamente al proprietario dell'appartamento dal quale protendono. Di talché nel caso in cui il cattivo stato di manutenzione degli elementi di finitura dell'estradosso delle solette del balcone, da individuarsi nei correntini coevi alla pavimentazione, comportino problemi di infiltrazioni all'appartamento sottostante, è onere del proprietario del balcone ripristinare lo stato di salubrità e sanare il danno (Trib. Firenze Sez. II, 15/09/2016). Motivi di diritto I balconi aggettanti, i quali sporgono dalla facciata dell'edificio, costituiscono .....parere integrale cliccando su download
  • ;
    Data 19/04/2017
    Downloads: 187
    MODULO SCHEDA IMMOBILE ALLEGATO INCARICO - PROPOSTA .VERSIONE LEX CONSULT AGGIORNATA APRILE 2017
    € 100,00
    Quando va utilizzato? Il modulo deve essere predisposto con tutte le informazioni relative all'immobile, non a penna ma direttamente a stampa sul foglio word ed eliminando tutti i campi in cui il mediatore non ha informazioni. Deve essere stampato ed allegato all'incarico ed a tutte le proposte d'acquisto. Con tale modalità operativa si riduce al massimo il rischio che il mediatore possa dimenticare di inserire qualche informazione relativa all'immobile all'atto della formulazione della proposta
  • ;
    Data 10/04/2017
    Downloads: 4
    ll mediatore ha diritto a percepire le provvigioni allorquando abbia avvisato le parti dell'esistenza di una pratica di condono non accolta e di un ricorso al Tar anche laddove tale ricorso venga poi rigettato e l'immobile risulti definitivamente abusivo
    € 20,00
    SENTENZA CORTE DI APPELLO DI SALERNO N° 151/2017 Il mediatore ha diritto a percepire le provvigioni allorquando abbia avvisato le parti dell'esistenza di una pratica di condono non accolta e di un ricorso al Tar anche laddove tale ricorso venga poi rigettato e l'immobile risulti consequenzialmente definitivamente abusivo.- Necessità di valutare la responsabilità del mediatore in relazione alle informazioni che possono essere fornite all'atto della fase in cui è intervenuto e precisamente in quella delle trattative e della stipula del contratto preliminare .- Esclusione della responsabilità del mediatore quando questi abbia avvisato le parti dell'esistenza di alcune difformità e dell'esistenza di una domanda di concessione in sanatoria come pure della pendenza di una lite innanzi al Tar per tale domanda .- Inapplicabilità della nullità dell'art. 40 di cui alla legge 47/85 ai contratti preliminari e a tutti quelli ad efficacia obbligatoria .- Irrilevanza sul diritto alle provvigioni delle circostanze successive al contratto preliminare ed in particolare della risoluzione intervenuta consensualmente tra le parti di detto contratto .-
  • ;
    Data 27/03/2017
    Downloads: 12
    QUESITO N. 744. A CHI SPETTA LA RIMOZIONE DI UNA TETTOIA IN ETERNIT INSTALLATA DA UN PRIVATO SU UN TERRAZZO CONDOMINIALE?
    € 50,00
    La rimozione spetta al condominio in quanto …parere integrale cliccando su download
  • ;
    Data 09/03/2017
    Downloads: 2
    Notaio va sospeso se non rispetta la terzietà sull'atto da rogare Cassazione Civile, sez. II, sentenza 20/12/2016 n° 26369
    download riservato - non acquistabile
    Oggetto: responsabilità del notaio
  • ;
    Data 07/03/2017
    Downloads: 41
    modulo Incarico di mediazione per finalità turistiche
    download riservato - non acquistabile
    Quando va utilizzato? Quando viene conferito incarico di mediazione per finalità turistiche
  • ;
    Data 03/03/2017
    Downloads: 11
    N. QUESITO 731 in caso di acquisto da un costruttore, gli interessi di preammortamento sono a carico dell’acquirente o del venditore?
    € 50,00
    La risposta è negativa, anche se nella prassi accade spesso il contrario, in quanto… parere integrale... cliccando su... dowloand... ...
  • ;
    Data 03/03/2017
    Downloads: 120
    MODULO DI CONTRATTO PRELIMINARE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI..-
    download riservato - non acquistabile
    Quando va utilizzato? E' un nuovo modulo di contratto preliminare per la vendita di beni immobili, versione aggiornata Marzo 2017.-
  • ;
    Data 02/03/2017
    Downloads: 47
    MODULO INTESTAZIONE ASSEGNI - DELEGAZIONE DI PAGAMENTO
    € 100,00
    Quando va utilizzato? Il modulo serve per autorizzare l'acquirente a pagare parte del corrispettivo direttamente nelle mani di un creditore di un venditore ( precedente acquirente, amministratore, ecc.), in modo che con lo stesso pagamento corrisponde il prezzo di vendita ed estingue il debito che aveva il debitore liberandosi da qualsiasi rischio di rivalsa sull'immobile che acquista.-
  • ;
    Data 28/02/2017
    Downloads: 20
    QUESITO N. 740: L’ACQUIRENTE È TENUTO A RISPETTARE IL COMODATO CONCESSO DAL VENDITORE OPPURE HA DIRITTO ALL’IMMEDIATA RESTITUZIONE DELL’IMMOBILE?
    € 100,00
    Ha diritto all’immediata restituzione, in quanto ….. parere integrale... cliccando su dowloand...
  • ;
    Data 22/02/2017
    Downloads: 11
    PARERE N. 734: SE L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, CHE SIA STATO AUTORIZZATO ALLA VENDITA DI UN IMMOBILE', E' TENUTO A CHIEDERE UNA NUOVA AUTORIZZAZIONE IN CASO DI MORTE DI UNO DEI COMPROPRIETARI ASSOGGETTATI AD AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO
    € 50,00
    La soluzione è certamente affermativa in quanto con il decesso del comproprietario assoggettato ad amministrazione viene meno lo stesso presupposto dell’amministrazione e si aprono i profili successori del soggetto rappresentato....parere integrale...cliccando su download
Scroll