utenti totali420063

utenti connessi24

accedi all'area riservata

Password Persa? Nuovo utente? Registrati!

Ultimi documenti caricati

ORDINA PER DATA TITOLO DOWNLOAD
Data 16/12/2014
Downloads: 1
SENTENZA VITTORIOSA DICEMBRE 2014 STUDIO LEGALE D'ARAGONA IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE.
Il Giudice ha riconosciuto il diritto dell'agenzia immobiliare difesa dallo Studio d'Aragona alle provvigioni, nonostante la proposta di acquisto fosse condizionata all'ottenimento del mutuo ed il finanziamento non fosse stato concesso. Il Giudice, infatti, sulla base delle prove fornite, ha accolto la tesi che la condizione non si fosse avverata a causa del comportamento dello stesso proponente acquirente, che non aveva fornito la documentazione necessaria all'ottenimento del mutuo.-
Data 12/12/2014
Downloads: 19
ACCORDO DI RISERVATEZZA DELLE TRATTATIVE E RICONOSCIMENTO PROVVIGIONALE.
Data 12/12/2014
Downloads: 20
LA PROVVIGIONE E LA CLAUSOLA DI SOVRAPPREZZO IPOTESI DI CLAUSOLE.
Data 10/12/2014
Downloads: 5
QUESITO N. 597: DIRITTO DI USUFRUTTO E CONIUGI IN COMUNIONE LEGALE DI BENI. SE IL DIRITTO DI USUFRUTTO SI ESTINGUE ALLA MORTE DEL TITOLARE DEL DIRITTO, OPPURE PROSEGUE IN CAPO AL CONIUGE SUPERSTITE.
Data 10/12/2014
Downloads: 4
QUESITO N. 596: INFILTRAZIONI E DANNI PROVENIENTI DAL LASTRICO SOLARE AI BOX INTERRATI DEL CONDOMINIO. SOGGETTI OBBLIGATI AL RISARCIMENTO E RIPARTIZIONE DEL DANNO.
Data 10/12/2014
Downloads: 29
MODULO - VERBALE CONSEGNA CHIAVI
Data 10/12/2014
Downloads: 27
SENTENZA VITTORIOSA DICEMBRE 2014 STUDIO LEGALE D'ARAGONA IN MATERIA DI COMPRAVENDITA ED INADEMPIMENTO CONTRATTUALE.
Nel caso di specie i venditori richiedevano il riconoscimento del diritto a trattenere la caparra sostenendo che l acquirente, benché convocato, non si era presentato alla data prevista per l atto pubblico. Si costituiva l'acquirente, difeso dallo Studio d'aragona. il quale chiedeva il rigetto della domanda attrice di trattenimento della caparra ed anzi chiedeva la condanna dei venditori al pagamento del doppio della caparra ricevuta, in quanto la mancata stipula dell'atto definitivo di vendita era da addebitarmi alla esclusiva responsabilità di essi venditori. Evidenziavano gli acquirenti, infatti, che i venditori dopo aver chiesto una serie di rinvii, Anche se solo in forma verbale, sostenendo che non erano in condizione di liberare l'immobile che avevano promesso in vendita in quanto non era ancora pronto l'immobile dove dovevano trasferirsi, appena dopo scaduto il termine inizialmente previsto per la stipula, sostenevano che non essendo stati convocati per la data originariamente prevista, dovevano ritenersi liberi da ogni e qualsiasi obbligazione e legittimati a trattenersi la caparra. Opponevano gli acquirenti che la mancata stipula era stata determinata solo dalle continue richieste di rinvio, anche se solo verbali, dei venditori e che comunque il termine non poteva ritenersi essenziale. Al contrario i venditori si erano resi assenti a ben tre convocazioni successive inviate dagli acquirenti ed alla fine l immobile era addirittura risultato affetto da una ipoteca non dichiarata, per cui l inadempimento doveva essere imputato esclusivamente ad essi venditori. In corso di causa, poi, a maggiore aggravamento della posizione dei venditori, emergeva che gli stessi appena pochi giorni dopo la scadenza del termine previsto per la stipula con i convenuti, avevano venduto ad altri soggetti, lasciando presagire che le trattative fossero già in corso prima. Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, accogliendo le richieste dell'acquirente, difeso dallo studio d'aragona, ha deciso che il contratto non si è stipulato per esclusiva responsabilità dei venditori, in quanto il termine originariamente previsto non poteva essere considerato essenziale, le convocazioni successive erano quindi valide ed ingiustificata la mancata presenza dei venditori, senza considerare l'ipoteca non dichiarata, che costituisce ulteriore profilo di grave inadempimento. Per l affetto ha rigettato la pretesa dei venditori di trattenere la caparra ed accogliendo le richieste dell 'acquirente difeso dallo studio d 'Aragona, ha condannato i venditori al pagamento del doppio della caparra versata oltre interessi e spese legali. Versione integrale visionabile sul sito lexconsult.it previa abilitazione in area riservata.
Data 29/11/2014
Downloads: 7
COMUNICAZIONE IN CASO DI CESSIONE O SUBLOCAZIONE D’AZIENDA EX ART.36 LEGGE 27 LUGLIO 1978, N.392.
Data 29/11/2014
Downloads: 5
QUESITO N. 594: LOCAZIONE E ATTIVITA’ DI AFFITTACAMERE.
Quale tipologia contrattuale si deve utilizzare allorquando il conduttore vuole adibire l’immobile per svolgervi l’attività di affittacamere? La mancanza delle necessarie autorizzazione per lo svolgimento della suddetta attività di affittacamere può inficiare la validità del contratto stipulato con il locatore?
Data 29/11/2014
Downloads: 2
QUESITO N. 593: SE LA FIDEIUSSIONE SI ESTINGUE CON IL DECESSO DEL FIDEIUSSORE O SI TRASMETTE AI SUOI EREDI. DISCIPLINA, RISCHI E CONSEGUENZE.
(1) 2 3 >